Carrefour & Payback: scacco matto con i sondaggi - Excelle

L’analisi dei dati e la conoscenza dei propri clienti sta diventando un tema sempre più caldo e presente nelle agende dei Top Manager.

Anche nel panorama italiano ci sono tanti nobili esempi di aziende che impostano le loro azioni con un approccio data-driven in cui il cliente è posto al centro dell’organizzazione.

Quello che sta facendo Carrefour insieme al partner Payback è sicuramente degno di nota.

Carrefour ha sviluppato Carrefour Lab, una piattaforma di ricerche di mercato per conoscere la soddisfazione della clientela, le preferenze dei propri clienti, la composizione del nucleo famigliare, i negozi preferiti, etc.

Il tutto facendo leva su un partner consolidato come Payback.

 

 

 

I possessori di carta SpesAmica PayBack riceveranno punti (convertibili in premi o buoni sconto sulla spesa) in cambio della loro opinione.  In questo modo Carrefour raccoglierà in modo semplice e veloce dati sui propri clienti.

Quella che a prima vista può sembrare una semplice iniziativa per internalizzare alcune ricerche di mercato precedentemente commissionate all’esterno, invece rappresenta un tesoro, se opportunamente sfruttato.

Vediamo il perché.

Normalmente i risultati di qualsiasi ricerca non vengono integrati nei Database aziendali per arricchire le informazioni sui singoli clienti. Questo è dovuto a numerosi fattori, tra i quali:

  • Responsabili Business Intelligence e Responsabili Uffici Studi e Ricerche sono persone differenti che guardano solo al loro “orticello”
  • si reputa il campione di ricerca troppo piccolo e di conseguenza non viene integrato nei Database
  • non vengono prese in considerazioni metodologie inferenziali in grado di proiettare gli insight derivanti dal campione di ricerca su tutta la customer base
  • etc.

Carrefour invece grazie a Carrefour Lab e Payback potrà:

  • raccogliere ed alimentare in modo immediato i tracciati record dei propri clienti con nuove informazioni (il numero di carta Payback dovrebbe rappresentare la chiave univoca di riconciliazione)
  • aggiornare l’anagrafica dei propri clienti (es. il nucleo famigliare)
  • ottenere informazioni sulla concorrenza basate sul “dichiarato” dei propri clienti (es. negozi della concorrenza preferiti)
  • migliorare i propri algoritmi (es. modelli di propensione all’acquisto, churn, etc.)
  • migliorare ed ottimizzare il ROI delle proprie campagne di Marketing (es. contenuto delle comunicazioni personalizzato basato sui risultati di algoritmi comportamentali come la Market Basket Analysis integrati alle informazioni derivanti dai sondaggi, etc.)
  • etc.

Inoltre, grazie a Payback, si ipotizza che Carrefour potrà ottenere delle redemption ai sondaggi molto elevate ed ottenere quindi nuove informazioni su tantissimi clienti.

Share on LinkedInTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Email this to someonePin on PinterestPrint this page